Blockchain per il settore di gas e petrolio. Vantaggi e casi d’uso

Blockchain per il settore di gas e petrolio. Vantaggi e casi d’uso

Due sono le caratteristiche principali della blockchain utili anche per l’industria petrolifera e del gas: la gestione della supply chain (la catena di approvvigionamento) e la disintermediazione delle autorità centrali per la verifica dati.

Andando più nello specifico, è possibile individuare 3 vantaggi nell’utilizzo della blockchain nel settore petrolio e gas:

  • Gestione ciclo risorse e controllo qualità

Presto sarà possibile implementare la blockchain per tracciare l’origine delle materie prime (il famoso “made in”) grazie alla registrazione dei dati autentici sul ledger distribuito.

In questo modo, come nei casi delle supply chain di Amazon e Walmart, se il prodotto possiede l’etichetta è possibile verificare tutta la catena di approvvigionamento anche per i barili di petrolio permettendo al reparto di controllo qualità di poter analizzare i vari passaggi che il prodotto ha effettuato, la provenienza dei componenti e la reputazione degli attori/fornitori che hanno interagito con il prodotto stesso.

  1. Miglioramento dell’accesso ai dati da parte di enti regolatori

Registrando anche i dati legali sulla blockchain, su alcune norme particolari e/o eventuali segnalazioni, in casi di problematiche di non conformità o altre questioni normative, gli enti possono richiedere l’accesso al registro distribuito ed estrapolare le informazioni necessarie in modo rapido e trasparente, con la consapevolezza, infatti, che un dato una volta registrato non è più modificabile e per questo risulta essere autentico.

  1. Nuovo modello di business per la manutenzione

Con la blockchain, è possibile creare un nuovo modello di business legato al servizio di manutenzione delle apparecchiature utilizzate nel settore gas e petrolio, in modo che in sede di prestazioni operative si tenga in conto non solo il costo dell’apparecchiatura, ma anche della sua prestazione, al netto cioè dei costi connessi come appunto la manutenzione e altri costi operativi, tempi di attività e di fermo.

“I principali vantaggi della soluzione includono riduzione dei tempi di ciclo di cassa, maggiore efficienza tramite minori costi generali e minori intermediari di costo, maggiore visibilità delle transazioni per ridurre la minaccia di manomissioni, frodi e cyber-crimine e creazione di transazioni trasparenti utilizzando processi condivisi e mantenimento dei registri.”

Un altro caso di recente applicazione della blockchain nel settore è stata l’introduzione del Petro, la crypto lanciata nel febbraio 2018 e controllata dal governo Venezuelanoche apparentemente sarebbe sostenuta dal petrolio e valutata allo stesso prezzo.

Tra la più imminenti c’è la piattaforma blockchain che i colossi del settore petrolifero Shell e BP, insieme ad altre aziende facenti parte del consorzio Vakt, prevedono di lanciare entro la fine del 2018.

La piattaforma blockchain sarà utilizzata per automatizzare i processi post-negoziazione nel settore energetico.

Il gruppo spiega:

“Questa non è una piattaforma di trading, né una piattaforma di insediamento e non è implicata alcuna criptovaluta, ma coinvolge tutto: proposta dell’affare; conferma; contratto; logistica (l’elemento di maggiore importanza) – e la fatturazione.”

 

FONTE:MARCO CAVICCHIOLI

 

SVILUPPO TECNOLOGIA BLOCKCHAIN, ITALIA, MARCHE, ABRUZZO, UMBRIA, ASCOLI PICENO, ANCONA , PESCARA, PERUGIA, SAN BENEDETTO DEL TRONTO, VASTO, ALBA ADRIATICA, MACERATA, MONTEGRANARO, FERMO, PESARO, URBINO, CHIARAVALLE, MOSCIANO, GIULIANIVA, SAN SALVO, ATRI, PINETO, ROSETO,  TERNI, RIETI,
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail